CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Musica e Discografia

Cerca nel blog

mercoledì 14 novembre 2018

VIDEO MERIDIONALI, QUANDO QUELLI DEL SUD ERANO GLI IMMIGRATI DI OGGI

                               


"I negri sono riusciti a fare quello che Cavour non è riuscito a fare: han fatto gli italiani" Questa una delle frasi estratta dal video "This is Racism" firmato dall'attore Andrea Pennacchi che sta spopolando in rete in questi giorni.

Ed é proprio ai concetti espressi in questo grandioso monologo che si rifà "Meridionali", il nuovo video di Mr Dailom (il terzo di Vita da Cane) preceduto da un trailer contenente gli stessi estratti di "This is Racism".

Ricollegandosi al tema del razzismo e del periodo in cui "i meridionali erano i neri di oggi", Mr Dailom mette a confronto l'esperienza vissuta dalla sua famiglia emigrata dalla Puglia a Varese negli anni '60 con il processo di immigrazione dei nostri giorni.

Il brano é una provocazione nei confronti dell'opinione pubblica, nei confronti della politica, nei confronti del razzismo immotivato e nei confronti di tutti gli Italiani che sembrano dimenticarsi cosa voglia dire "andarsene per necessità. 

Per la delicatezza del tema e con l'esigenza che sia recepito anche dai più giovani, Mr dailom sceglie un tappeto sonoro prettamente trap grazie alla collaborazione del noto produttore Retraz. Il video é stato girato interamente a Bari per la regia di Alberto Rubino (labzero).

“Come il vento”, il nuovo singolo di Garcino


Nelle radio italiane dal 26 Ottobre il nuovo singolo di Garcino, “Come il vento”, scritto da Nicola Garassino e Vincenzo Masini (project manager), arrangiato da Giulio Iozzi presso il Purple Studio di Poggibonsi. Il progetto è stato seguito anche dalla vocal coach Sabrina Ceccarelli.
Il videoclip che accompagna il brano, per la regia di Stefano La Mendola (Reverb – The Italian Record Company), si ispira liberamente al tema della canzone, che rappresenta l’incrinarsi, con il passare del tempo, del rapporto di coppia, a seguito di incomprensioni mai sanate o semplicemente perché la frenesia del tempo “moderno” toglie spazi al confronto. E’ un invito a trovare la forza di cambiare atteggiamento e riscoprire la voglia di stare insieme, ritrovando serenità come fa il vento appunto, che spazza via le nubi e riporta il sereno (operatrice backstage: Valentina De Sanctis).

Il progetto Garcino vede impegnato il cantautore Nicola Garassino e da continuità al lavoro intrapreso con la realizzazione del cd “Mother earth’s blues”, che vanta collaborazioni con artisti di altissimo livello (L. Arese, R. Bella, R. Coniglio, M. Giaccardi, G. C. Neri, F. Perversi, la band Bad Bones).
Live electric show con R. Leardi-batteria; A. Griffone-Basso e Tastiere; N. Garassino-Voce e chitarre.

In radio il nuovo singolo di Gianluca Corrao “Il traguardo”


Dopo l'album "Parte di me", uscito nel 2017, ecco nelle radio italiane "Il Traguardo", il singolo, già disponibile nei principali digital store, che segna il ritorno dell' artista genovese Gianluca Corrao. Questa volta la produzione è stata affidata a Francesco Ciccotti, noto producer che ricordiamo anche come autore per Francesco Guasti al Festival di Sanremo.

"Il traguardo", brano già presente nelle classifiche radiofoniche, parla di tutte le volte in cui ci prefissiamo un obiettivo, dimenticandoci di quanto, l’unica cosa importante sia correre tenendo la mano delle persone che amiamo. Parla di famiglia, di speranza, di sincerità.

"Al termine di ogni strada esiste un traguardo ma ognuno è libero di scegliere il proprio".

Molto attivo sui social, Gianluca Corrao vanta anche migliaia di visualizzazioni in tutti i suoi videoclip, questo a confermare il grande seguito del cantante ligure. 

MINA: esce il 30 novembre il nuovo disco “PARADISO (Lucio Battisti Songbook)”, una raccolta con le canzoni di Battisti-Mogol già cantate da Mina più due brani mai interpretati

MINA
ESCE IL 30 NOVEMBRE IL NUOVO DISCO
"PARADISO (Lucio Battisti Songbook)"
Disponibile in DOPPIO CD, TRIPLO LP e in DIGITALE

Una raccolta con le canzoni di Battisti-Mogol già cantate da Mina più due brani mai interpretati: 
"Vento nel vento" arrangiata da Rocco Tanica
"Il tempo di morire" arrangiata da Massimiliano Pani.

Da venerdì 16 novembre in radio "Il Tempo Di Morire"

Mina e Lucio Battisti, separatamente e insieme, hanno scritto gran parte della storia della canzone italiana moderna. Insieme hanno anche scritto una pagina indimenticabile della storia della televisione italiana, con quei poco meno di nove minuti di duetto a "Teatro 10" del 23 aprile del 1972 ai quali è stato persino dedicato un intero libro (e durante i quali cantarono "Insieme", "Mi ritorni in mente", "Il tempo di morire", "E penso a te", "Io e te da soli", "Eppur mi son scordato di te" ed "Emozioni"). I percorsi professionali di Mina e Battisti sono corsi paralleli intersecandosi per un breve, ma fecondissimo periodo, quando, a cavallo fra il 1970 e il 1971, Mina ha pubblicato quattro singoli inediti consecutivi con canzoni di Battisti e Mogol: "Insieme" (nel maggio 1970), "Io e te da soli" (nel novembre 1970), "Amor mio" (nel maggio 1971), "La mente torna" (ottobre 1971). E Mina ha continuato ad esplorare il canzoniere battistiano negli anni a seguire, non solo con l'epocale album "Minacantalucio" (1975) e con il successivo "Mazzini canta Battisti" (1994), ma anche in altri album di studio, e anche dal vivo, e persino incidendo versioni in altre lingue delle composizioni firmate da Battisti e Mogol.  Come scrive Luciano Ceri nel suo "Pensieri e parole: Lucio Battisti: una discografia commentata": "che Mina avvertisse quanto per lei fosse congeniale la scrittura di Battisti lo testimonia il fatto che nel corso degli anni non è mai stata troppo tempo senza inserire nel suo ormai tradizionale doppio album autunnale una canzone a firma Mogol - Battisti".

Della veridicità di questa affermazione dell'esperto Ceri non potrebbe esserci migliore testimonianza che "Paradiso - Battisti Songbook", in cui Mina ha raccolto tutte le sue interpretazioni già edite delle canzoni di Battisti-Mogol, arricchendolo con il valore aggiunto di due inediti assoluti; sono le due canzoni che aprono il primo CD e il primo vinile: "Vento nel vento", arrangiata da Rocco Tanica, e "Il tempo di morire", arrangiata da Massimiliano Pani.  Quest'ultima sarà in rotazione radiofonica da venerdì 16 novembre.

Sono stati recuperati anche due brani non più facilmente reperibili, a suo tempo inclusi nell'antologia fuori catalogo "Mazzini canta Battisti" ("Perché no" e "Il leone e la gallina").

L'edizione in CD di "Paradiso - Battisti Songbook" contiene inoltre alcune rarità: cinque canzoni di Battisti interpretate in spagnolo e una interpretata in francese.

È quasi superfluo precisarlo, ma segnaliamo che - dopo aver "riaperto le tracce", come si dice in termine tecnico, degli originari mixaggi: a partire da quelli da 8 o da 16 piste per arrivare a quelli da 48 piste digitali - tutte le registrazioni incluse in "Paradiso - Battisti Songbook" sono state riversate in digitale dai nastri originali, editate, restaurate, rimasterizzate e rimixate a cura del magistrale Celeste Frigo, con la continua, costante e attenta supervisione di Mina, che ha seguito personalmente da vicino l'intera operazione: e ora tutte le canzoni risplendono nella pulizia, nella dinamica e nella pienezza dei suoni e della voce. Ad alcune, cinque in tutto, sono stati addizionati programmazione e tastiere a cura di Ugo Bongianni e Massimiliano Pani. Ma è tutto specificato negli accuratissimi credits di "Paradiso - Battisti Songbook", che – nelle due versioni, CD e vinile - riportano nel dettaglio le informazioni su ogni canzone (al termine di questa scheda le trovate sintetizzate per comodità di consultazione). E' da notare che l'elenco dei nomi degli arrangiatori dei brani è una sorta di "who's who" della categoria, comprendendo (in ordine alfabetico) Victor Bach, Gianni Ferrio, Detto Mariano, Pino Presti, Gian Piero Reverberi, Gabriel Yared, e i già citati Rocco Tanica e Massimiliano Pani. E lo stesso si può dire per i nomi dei musicisti che hanno accompagnato Mina nelle sue interpretazioni: una squadra di strumentisti eccellenti al servizio di una coppia di autori impareggiabile e di una voce incomparabile.

"Paradiso - Battisti Songbook", racchiuso in una elegante e raffinata confezione curata come sempre da Mauro Balletti e da Giuseppe Spada, s'intitola così perché "per un'interprete cantare le canzoni di Lucio è un'esperienza celestiale", ed esce nell'anno in cui ricorre il ventennale della scomparsa di Battisti. Nel libretto dell'edizione in CD e sulla copertina dell'edizione in vinili è ripresa la lettera che Mina scrisse su "Liberal" il 28 settembre 1998 a Lucio, qualche giorno dopo la sua morte. Sono parole delicate, affettuose ed emozionanti, e ci pare bello che siano riproposte anche qui di seguito.

 

Lettera di Mina a Lucio Battisti

 

" Caro Lucio,

questa è una lettera che volevo scriverti da tanto, tanto tempo. Ogni volta che sentivo un tuo pezzo, ogni volta che qualcuno, per strada, fischiettava qualcosa di tuo mi veniva voglia di mettermi in contatto con te, ma ho preferito rispettare (figurati se proprio io non lo dovevo fare…) il tuo desiderio di essere lasciato in pace. E forse ho fatto male, sai? Perché adesso non so come fare per restituirti, almeno in parte, la gioia, la tenerezza, il senso di invincibilità, la coscienza di fare qualcosa di perfetto che mi dava il cantare i tuoi pezzi. Erano come il più inattaccabile meccanismo, come l'arma più efficace, come una corazza lucentissima, come una seconda pelle ancora più aderente della prima. Erano costruiti con quella apparente semplicità, con quel naturale delizioso totale mood cosmico, che fa pensare alla fluidità di Puccini, al prezioso andamento di certi canti gospel. E insieme così piantati nella tradizione della canzonetta italiana da far cantare i garzoni mentre vanno in bicicletta a consegnare il pane, i bambini e tutte le madri d'Italia mentre preparano il pranzo per i propri cari. 

Che talento straordinario, che dono raro quello di essere capiti da tutti e da tutti essere amati proprio per quello che realmente si è. Sei stato il più grande nel realizzare il miracolo che ci fa sentire tutti figli della stessa materia, che ci fa cantare tutti insieme con le lacrime agli occhi.

In questi giorni ho dovuto assistere a qualche intervento sgradevole e a tanti, tantissimi omaggi commossi e sinceri. Voglio ricordarmi soltanto questi. Voglio ricordarmi gli occhi lucidi di ragazzi giovanissimi e di uomini e donne anche più che adulti. Voglio ricordarmi i tuoi, che Dio li benedica, ti hanno difeso con la forza dell'amore da tutto il caravanserraglio massmediatico. Voglio ricordarmi quei piccoli mazzolini di fiori, quei bigliettini che ti hanno portati anche loro, credo, per cercare di restituirti un pochino di quello che tu hai dato a tutti noi. Sai, avevo un sogno. Una pazzia. Insieme con Moreno, un giovane corista molto bravo che tu non hai conosciuto, ma che ti ama almeno quanto me, avevamo deciso che se tu mai avessi fatto di nuovo un concerto, saremmo venuti a farti il coro. Per il grande piacere di stare dietro di te e cantare insieme a te quelli che sono i nostri perfettissimi, storici, splendidi, adorati pezzi di vita. E, nella nostra follia, avevamo già pensato alla scaletta, a quali pezzi fare, alla formazione dell'orchestra, persino ai vestiti. Ogni volta che ci incontravamo in sala di incisione aggiungevamo qualche dettaglio al nostro progetto. Tutto era variabile tranne la presenza di due soli coristi: noi due, per l'appunto. Non importa. Vuol dire che la cosa è soltanto rimandata.

 

Tua Mina".

 

28 settembre 1998 (19 giorni dopo la morte di Lucio Battisti)

Originariamente pubblicato dal settimanale "Liberal"



La tracklist di "Paradiso - Battisti Songbook":
"VENTO NEL VENTO" (dall'album "Paradiso - Battisti Songbook", 2018),  "IL TEMPO DI MORIRE" (dall'album "Paradiso - Battisti Songbook", 2018), "IO E TE DA SOLI" (dall'album "Del mio meglio", 1970), "EPPUR MI SON SCORDATO DI TE" (dall'Album "Finalmente ho conosciuto il conte Dracula...", 1985), "PERCHÉ NO" (dall'album "Mazzini canta Battisti", 1994), "INSIEME" (dall'album "Quando tu mi spiavi in cima a un batticuore", 1970),  "IO VORREI, NON VORREI, MA SE VUOI" (dall'album "Uiallalla", 1989), "CON IL NASTRO ROSA" (dall'album "Lochness", 1993), "NESSUN DOLORE" (dall'album "Rane supreme Vol. 1", 1987), "E PENSO A TE" (dall'album "Mina", 1971), "ACQUA AZZURRA, ACQUA CHIARA" (dall'album "Catene", 1984", "AMOR MIO" (dall'album "Mina", 1971), "LA MENTE TORNA" (dall'album "Del mio meglio n. 2", 1971), "IL LEONE E LA GALLINA" (dall'Album "Mazzini canta Battisti", 1994), "IO VIVRÒ SENZA TE (Live)" (dall'album "Dalla Bussola. Mina", 1972), "MEDLEY: Emozioni / Ancora tu / Sì, viaggiare / I giardini di marzo (Live)" (dall'album "Mina. Live '78 (registrato a "Bussoladomani")", 1978), "I GIARDINI DI MARZO", "IL NOSTRO CARO ANGELO", "DIECI RAGAZZI (Dieci ragazze)", "INNOCENTI EVASIONI", "7 E 40", "EMOZIONI", "FIORI ROSA, FIORI DI PESCO", "29 SETTEMBRE", "L'AQUILA", "NON È FRANCESCA" (dall'album "Minacantalucio" 1975), "AMOR MIO" (Spanish version di "Amor mio"), "YO PIENSO EN TI" (Spanish version di "E penso a te"), "JUNTOS" (Spanish version di "Insieme"), "QUE NOS SEPAREMOS" (Spanish version di "Io e te da soli"), "LA MENTE CAMBIA" (Spanish version di "La mente torna") (dall'album "Amor mio. Mina canta en español", 1972), "L'AMOUR EST MORT" (French version di "Io e te da soli"), (dal 45 giri "L'amour est mort" / "La vie", 1972).



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 9 novembre 2018

Cannella - Fuori il videoclip del singolo "Venerdì" (live sul GRA) - per Honiro Rookies


Cannella 
Fuori il videoclip 
del singolo "Venerdì" 
(live sul GRA)

Honiro Rookies



Fuori il videoclip del singolo "Venerdì"  di Cannella.
Cannella è il nuovo artista della Honiro Rookies, l'anticamera ufficiale alla Honiro Label e, il primo progetto Indie-Pop.
"Venerdì" - dichiara Cannella -  é un brano al quale sono particolarmente affezionato, ogni volta che lo riascolto mi riporta al periodo in cui l'ho scritto e mi trasmette qualcosa di forte, cosa che non é per nulla scontata.
Quando ho scritto "Venerdì" ricordo che mi portavo dentro una serie di cose successe in quel periodo che sommate l'una con l'altra mi stavano soffocando, quindi mi sono messo lá e ho gettato tutto quanto su musica, come sono solito fare, il risultato appunto é questo racconto super personale che passa da una cosa all'altra senza neanche badare troppo a quanto una cosa possa essere coerente con l'altra, é un flusso di coscienza disordinato che però mi ha aiutato a rimettere in ordine tutto e senz'altro a sentirmi meglio
Alla fine la musica oltre ad essere bella di per sé per me ha sempre avuto anche delle funzioni terapeutiche, sia farla che ascoltarla, quindi senz'altro in questo caso é stato così. Abbiamo deciso di uscire con una versione live sul GRA perché amo questo posto, ci vado spesso la notte e mi fa riflettere tanto, il suono delle centinaia di macchine che passano sotto il cavalcavia mi rimanda molto al flusso di coscienza di cui parlavo prima, mi calma, quindi ho deciso di utilizzare questa location sia per un fattore estetico, sia per una roba mia personale e di cantarla dal vivo perché sicuramente é il brano più adatto per un esperimento del genere,



Biografia

Enrico Fiore in arte Cannella nasce a il 14 Giugno 1995. Si avvicina alla musica sin dall'età di 7 anni per merito del padre, che nota questa sua predisposizione verso il canto e lo stimola comprandogli una serie di dischi che Enrico prontamente impara a memoria e passa giornate intere a ricantare.
L'approccio con la musica, in veste di cantautore,  avviene anni dopo; a 13 anni scrive la sue prime canzoni e successivamente inizia a frequentare sale di incisione dove viene seguito e spronato a coltivare questa sua grande passione.
Nel corso degli anni si avvicina alla musica HipHop e incomincia a scrivere brani con strofe rappate ed incisi cantati nel mezzo. A 18 anni pubblica sul web le sue prime canzoni a nome di Eden e viene contattato da una realtà indipendente di Torino con la quale collabora per circa due anni riscuotendo assieme agli altri componenti un discreto successo nell'ambiente che lo porta ad esibirsi dal vivo in più occasioni e in contesti di vario tipo.
Dopo aver concluso la collaborazione con questa realtà sente però il bisogno di trovare
un' identità artistica maggiormente definita ed inizia a ricercare dei nuovi sound e stili di scrittura . Proprio in questo periodo avviene il cambio del nome d'arte in Cannella e, nel giro di un anno e mezzo riesce a confezionare un Ep che si sposta molto da quello che erano i suoi precedenti lavori, avvicinandosi molto all'indie-pop senza però oscurare del tutto quello che sono le sue provenienze musicali, un lavoro molto singolare.
Il progetto riceve l'attenzione di Honiro Rookies ed inizia così il percorso di Cannella.
Il 1° Ottobre è uscito "CAMPO FELICE", il singolo ed il videoclip.
Attualmente Cannella è impegnato in studio alla realizzazione del suo nuovo album.





--
www.CorrieredelWeb.it

#sempre25novembre: on air in radio e online sui social la campagna di Sorgenia contro la violenza sulle donne, con madrina Bebe Vio


25 novembre - Giornata mondiale contro la violenza sulle donne
 
#sempre25novembre: on air in radio e online sui social la campagna di Sorgenia contro la violenza sulle donne, con madrina Bebe Vio
 
Milano, novembre 2018 - Sorgenia dedica alla "Giornata contro la violenza sulle donne" la campagna #sempre25novembre, firmata dall'agenzia RED Robiglio & Dematteis, che ha per madrina Bebe Vio, la campionessa paralimpica e mondiale di scherma in carica, testimonial dell'azienda. La pianificazione sulle principali emittenti radio nazionali è curata dall'agenzia TM Media, mentre la comunicazione sui social network è stata coordinata con la collaborazione di GnotiLab e Hdrà.
 
Il punto di partenza è la constatazione che la violenza nei confronti delle donne è, in Italia, una vera e propria piaga sociale: tra il 2017 e il 2018 sono stati oltre 130 gli omicidi di donne commessi da un familiare*. Ai femminicidi si aggiungono violenze quotidiane che spesso sfuggono ai conteggi: secondo i dati Istat sono quasi 7 milioni le donne che, nel corso della propria vita, hanno subito una qualche forma di abuso. Sono solo alcuni dei dati che mostrano la gravità di un fenomeno dalle proporzioni enormi e che non dà segnali di diminuzione.
                                                                                                             
Di fronte a questo scenario, Sorgenia ha deciso di scendere in campo e dare il proprio contributo per alzare il livello di attenzione sul tema. Tutti i giorni, non solo il 25 novembre. Ognuno potrà scegliere di fare la differenza, ricordando che è #sempre25novembre.
 
Nel video di anticipazione che circolerà sui social dal 9 novembre Bebe Vio annuncia sui suoi profili Facebook e Instagram la partenza di un progetto di sensibilizzazione sull'argomento. Seguirà un post in cui la campionessa invita tutti a pubblicare una propria foto con il numero 25 e l'hashtag #sempre25novembre. Per ogni immagine ricevuta, Sorgenia devolverà un euro a La Grande Casa, cooperativa sociale da sempre focalizzata sull'accoglienza e l'accompagnamento di donne e bambini in uscita da situazioni di violenza e disagio.

Online, la campagna sarà pianificata su tutti i principali social network, a partire dai profili Facebook e Instagram dell'azienda.
 
Dal 18 al 25 novembre la campagna sarà anche on air sulle principali emittenti radiofoniche e web radio (Manzoni, Mediamond e Rai). Due i messaggi, entrambi a sottolineare come un giorno solo non sia, né possa essere, sufficiente per parlare di un fenomeno che, sempre più, ci coinvolge tutti: ogni giorno dobbiamo parlarne e denunciare. La programmazione è stata pensata su una audience allargata, con l'attivazione di collaborazioni con alcuni programmi particolarmente affini al target di riferimento dell'azienda.
 
Molti gli atleti e i personaggi famosi che hanno già aderito all'iniziativa: Barbara Bonansea, Elenoire Casalegno, Martin Castrogiovanni, Cristina Chirichella, Ilaria D'Amico, Davide Devenuto, Vanessa Ferrari, Niccolò Gitto, Filippo Lanza, Mirta Merlino, Carlo Molfetta, Simone Nolasco, Barbara Pedrotti, Amaurys Perez, Ringo, Massimiliano Rosolino, Serena Rossi, Rachele Sangiuliano, Miriam Sylla, Marco Tardelli, Chicco Testa, Giovanbattista Venditti, Alessia Ventura e Roberta Vinci.
 
"Ci schieriamo direttamente e decisamente in una campagna contro uno degli aspetti più vergognosi della società. Come tutti, vogliamo un futuro migliore ma siamo consapevoli che sono le nostre scelte, più delle semplici idee, a cambiare il mondo. Mettiamo quindi un impegno preciso e concreto a disposizione di un ideale, per riaffermare il valore delle persone e della loro straordinaria energia. Pensiamo che le aziende come la nostra abbiano il dovere di fare la differenza – ha dichiarato Gianfilippo Mancini, Amministratore Delegato di SorgeniaLo facciamo attraverso una comunicazione digitale, che speriamo raggiunga il più ampio target possibile non solo nel mondo delle nuove generazioni, per sensibilizzare tutti su un tema che non può più essere tollerato in una società che si proclama civile e moderna. Nessuno, meglio di Bebe, poteva affiancarci in questo importante progetto in cui crediamo moltissimo e che porteremo avanti per tutto il 2019. Perché, come dice il nostro hashtag, è #sempre25novembre".
 
Per l'occasione, online il brand Sorgenia si tinge di rosa: logo, sito e immagine istituzionale cambieranno e saranno accompagnati dalla frase "Sorgenia è con le donne il 25 novembre e ogni giorno dell'anno". 
 
Dal 26 novembre per un anno la campagna proseguirà tramite il messaggio "Anche oggi è il 25 novembre" con un richiamo al fenomeno, attraverso il logo realizzato ad hoc che tutti possono scaricare e utilizzare.
 
 
Credits della campagna:
Agenzia: RED ROBIGLIO & DEMATTEIS
Creatività: Riccardo Robiglio e Paolo Dematteis
Planning & Coordination: Teresita Vanotti
Coproduzione: Gigasound e Peperoncino Studio
Musica: Futura, Lucio Dalla


*Dossier Viminale, agosto 2018


Sorgenia nasce nel 1999 con l'avvento del mercato libero dell'energia ed è oggi uno dei maggiori operatori italiani per la produzione e la vendita di elettricità e per l'approvvigionamento e la vendita di gas naturale. L'offerta commerciale si sviluppa online e fa leva sulla scelta consapevole da parte dei clienti e su innovativi servizi digitali che rendono più semplice il rapporto con l'energia.




--
www.CorrieredelWeb.it

N.1 su iTunes: è il nuovo album “Songbook” di GeGè Telesforo


Il nuovo album "Songbook" di GeGè Telesforo è al primo posto su iTunes

E' uscito il nuovo album di GeGè Telesforo, dopo pochi giorni volato al primo posto su iTunes.
Oltre al disco, disponibile in tutti i digital stores, anche un libro con tutti i testi e gli spartiti realizzato in collaborazione con Map Editions.



"Songbook" è la nuova pubblicazione di GrooveMasterEdition che raccoglie alcune fra le composizioni originali scritte e prodotte da GeGé Telesforo nell'arco della sua prestigiosa carriera. Oltre al libro con tutti i testi e gli spartiti realizzato in collaborazione con Map Editions, "GeGè Telesforo-Songbook" è un album disponibile in formato mp3 remastered in tutti i digital stores tra cui iTunes https://apple.co/2EJUOxX dove è volato al primo posto della classifica jazz, e Amazon https://urly.it/3syp.
Ben Sidran, musicista, songwriter e produttore americano, presenta così il SongBook di GeGè Telesforo: "Un grande improvvisatore jazz, deve essere anche un grande compositore, perché l'improvvisazione jazz non è altro che una composizione istantanea. Per essere un grande jazzista, devi anche avere il tuo suono, la tua voce, unica e diversa dalle altre.
Con queste premesse, GeGè Telesforo è al tempo stesso un grande jazzista e un grande compositore. Le sue composizioni hanno lo stesso swing originale e l'innovazione melodica che si sente nei suoi brillanti assoli di scat, e la sua voce è personalissima sia melodicamente che ritmicamente. Sono stato ispirato più volte da questa voce a scovare parole alle sue melodie e a raccontare storie guidate dal suo fantastico senso del ritmo e dal suo profondo senso di fratellanza.
Il suo messaggio è il nostro messaggio, tra le sue mani il ponte tra jazz e funk è completo, e siamo liberi di esplorare i mondi del groove moderno e dello swing. Scrivere canzoni con GeGè è stato uno dei grandi piaceri della mia esperienza musicale".

TRACKLIST
1- "A New Joy" ft. Greta Panettieri – dal cd "Nu Joy" 2012
2- "All I Have To Say" ft. Greta Panettieri/Ainè –  dal cd "Nu Joy" 2012
3- "As You Belong To Me" ft. Mia Cooper – dal cd "Love and other Contradictions " 2007
4- "Available for Wedding " ft. Nate Brown Gospel Choir – dal cd "Nu Joy" 2012
5- "Ben Is In The House"  ft. Ben Sidran – dal cd "Mother Tongue " 1996
6- "Brother Max" ft. Max Ionata – dal cd "So Cool" 2010
7- "Daddy's Riff" – dal cd "So Cool" 2010
8- "Diamonds" ft. Alfonso Deidda – dal cd "Nu Joy" 2012
9- "Give Me Your Hands" ft. Dario Deidda – dal cd "Nu Joy" 2012
10- "Go On" ft. Greta Panettieri/Ainè –  dal cd "Nu Joy" 2012
11- "Groovin' In The Shade Of Night" ft. Julian Oliver Mazzariello -dal cd "We couldn't be happier"2002
12- "Hey, Rookie!" ft.Dario Deidda – dal cd "We couldn't be happier"2002
13- "I …Want To Be Happy" – dal cd "Nu Joy" 2012
14- "Jam In The Night" ft. Amedeo Ariano – dal cd "So Cool" 2010
15- "Jo Jo Step" – dal cd "Nu Joy" 2012
16- "Last Goodbye" ft. Greta Panettieri/Ainè – dal cd "Nu Joy" 2012
17- "Let The Children" ft. Ben Sidran – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
18- "Med In The Head" ft.
Stefano Di Battista – dal cd "Mother Tongue " 1996
19- "MIa's Blues" ft.
Mia Cooper – dal cd "Love and other Contradictions " 2007
20- "Mother Tongue" ft. Bob Malach – dal cd "Mother Tongue " 1996
21- "Musica, Tragos y a Sonreír" ft. Alvaro Hugo Martinez – dal cd "We couldn't be happier"2002
22- "Nero Vero" – dal cd "Love and other Contradictions " 2007
23- "Next" ft. Alan Hampton – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
24- "Next" radio edit ft. Alan Hampton – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
25- "Say No" intro – ft.
Giovanna Famulari – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
26- "Say No" – ft.
Sachal Vasandani  – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
27- "Say No" outro  – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
28- "Small Blues" ft. Dario Deidda – dal cd "So Cool" 2010
29- "So Cool" – dal cd "So Cool" 2010
30- "The Great C.T." – dedicated to Clark Terry – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
31- "The Green Doctor" ft. Joanna Tetes – dal cd "Fun Slow Ride" 2016
32- "The Groove Master Shuffle" – dal cd "So Cool" 2010
33- "The Thing and The Thang" – dal cd "So Cool" 2010
34- "Virando" ft. Stefano Di Battista – dal cd "We couldn't be happier" 2002
35- "We couldn't be happier" – dal cd "We couldn't be happier" 2002



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *