Cerca inTutto Disco

martedì 13 dicembre 2016

La musica dei Ramrod vi porta in un mondo surreale


Ramrod nascono nel 2013 quando, i fratelli Martina (23 anni) e Marco Picaro (20 anni), rispettivamente cantante frontwoman, e chitarrista/flautista, i fratelli Cesare (23 anni) ed Andrea De Bernardi (17 anni), chitarrista e batterista, il bassista Emanuele Elia (29 anni) ed il tastierista Adriano Nolli (40 anni), si ritrovano con lo scopo di formare un progetto che dia sfogo alla passione comune per il Blues ed il Southern Rock, proponendo cover di classici come: Lynyrd Skynyrd, Allman Brothers Band e Rossington Collins Band. 

Alcuni mesi dopo le prime esibizioni, venne a crearsi una particolare unione artistica tra i membri della band che portò alla nascita di uno stile musicale caratteristico e strettamente legato alle influenze di ogni singolo componente; così in un periodo di grande creatività nacquero i primi brani inediti, pubblicati nel marzo 2015 in un EP omonimo di quattro pezzi.

Ben presto i Ramrod iniziarono a portare in giro la loro musica tra locali e festival, riscontrando  forte entusiasmo sia in Italia che in Germania, Svizzera, Francia, Belgio e Olanda.Le diverse esperienze live non fecero altro che incrementare l'unione tra i musicisti e di conseguenza la loro ispirazione compositiva tanto che, ad oggi, hanno registrato il loro primo album d'esordio "First Fall" 

La loro musica fonde il Blues, il Soul e il Rock in un intercalare di ritmi grezzi e classici, e sonorità leggermente psichedeliche ed i loro testi si riferiscono a esperienze personali ed ai più profondi ed intimi sentimenti umani, visti da diversi punti di vista. Le loro canzoni vi porteranno in un mondo surreale ed intrigante

1) Le vostre influenze musicali vi hanno portato ad esibirvi anche all'estero, qual'è il ricordo più significativo?

Ormai sono quasi tre anni che la nostra musica ci porta a vivere delle stupende esperienze all'estero, i ricordi sono veramente tanti e tutti molto piacevoli, è difficile sceglierne uno in particolare, anche perché ogni stato ed ogni città ti regala emozioni diverse.
Dal festival blues a Crans Montana in Svizzera Francese con un pubblico meraviglioso e caloroso, alle due date condivise con la fantastica band rock prog tedesca i Polis in Germania (Plauen e Lipsia), dall'indimenticabile serata ad Enschede in Olanda con il locale pieno zeppo di persone entusiaste alle soddisfazioni che ci danno ogni volta i nostri fans dell'area di Stoccarda (zona della Germania in cui ci rechiamo molto spesso)...
Difficile scegliere, però il ricordo più bello è sempre il calore del pubblico e sapere che la tua musica viene apprezzata.

2) Molti giovani tentano la carta "Talent" cosa pensate voi di questi programmi televisivi?

I Talent Show sono ormai una realtà consolidata, purtroppo sembrano essere l'unica via per il successo in campo musicale, dal nulla alla fama nazionale nel giro di poche puntate.
Questo tipo di programma televisivo ospita spesso e volentieri dei veri talenti, ma è davvero così che un artista deve far conoscere la propria musica? è giusto gareggiare con altri musicisti altrettanto talentuosi e diversi tra loro e decretare infine un vincitore? In base a quale criterio?

Ovviamente il mercato aldilà dei riflettori è ciò che tiene in piedi la baracca, l'arte sta ormai diventando merce da vendere, un oggetto per compiacere la massa e nulla più.
Essendo una band rock blues e scrivendo brani originali e probabilmente non in linea con i canoni di musica commerciale da Talent, cerchiamo di tenerci ben alla larga, precorrendo strade diverse e sicuramente più faticose, ma le soddisfazioni non mancano e la nostra musica ed il nostro spirito vengono valorizzati nella loro autenticità.
Con questo non critichiamo chi predilige la strada del Talent Show, sono scelte e prospettive differenti, semplicemente sentiamo di appartenere ad un altro mondo, ci dispiace solo che il fenomeno "Talent" ora come ora renda la vita difficile a coloro che provano vie alternative (e forse più vere).

3) Dove nascono le vostre canzoni? Nasce prima il testo o la musica?

 Le nostre canzoni nascono al 90% da storie di vita vissuta, da emozioni  ed esperienze personali più o meno intime, ma sta di fatto che nulla è lasciato al caso.
Ogni pezzo ha la sua storia, per questo credo che ogni singola canzone sia preziosa e nasconda in se' dei bellissimi ricordi, è come riascoltare un pezzetto della propria vita e ciò è molto appagante.
Non c'è una regola nella stesura dei pezzi, a volte  nasce prima il testo, a volte la musica mi ispira un tema particolare dal quale inizio a scrivere le parole, mentre può capitare che testo e musica nascano contemporaneamente.
Ogni canzone è unica.

4) Oggi diversi Big danno la possibilità di aprire i loro concerti, se ci fosse un'occasione anche per voi, con quale artista vi piacerebbe condividere il palco?

Bellissima domanda! Iniziamo a sognare ad occhi aperti
 Fantasticando, gli artisti sarebbero davvero tanti...ognuno ha le sue preferenze ed il mondo del rock blues è vastissimo!Ma rimanendo con i piedi per terra e prendendo in considerazione artisti e band di questi tempi penso che siamo tutti d'accordo nel dire che non ci dispiacerebbe affatto aprire a gruppi come: Tedeschi Trucks Band, Blackberry Smoke, Rival Sons...
Mentre tra i big a cui noi ci ispiriamo e che ancora oggi continuano a portare la loro mu in i in giro per il mondo, Gregg Allman rimane un sogno nel cassetto.

 5 ) progetti futuri? state lavorando ad un nuovo progetto , ep?

 I progetti futuri sono tanti e sono roventi! 
 Il nostro secondo album è già in cantiere, le idee non ci mancano e siamo ben determinati a dar forma ad un album che rispecchi al 100% il nostro stile personale.
Tra i nostri progetti rimane al primo posto continuare a girare in Italia e soprattutto nel resto d'Europa "diffondendo il verbo" dei Ramrod, cerchiamo di far conoscere la nostra musica il più possibile e ora come ora non ci lamentiamo affatto del risultato.

Ovviamente è una strada in salita, ma noi siamo prontissimi a scalare!

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI